Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Dal Laki all’Eyjafjallajökull: l’Europa al freddo per un vulcano

"Una fitta nebbia ha bloccato i raggi del sole su tutta l'Europa e larga parte del Nord America, durante la primavera e l'estate del 1783, mantenendo il suolo gelato e intatta la neve, che ha continuato a caderci sopra come fosse inverno". Così Benjamin Franklin – primo amabasciatore americano in Francia per un decennio, a partire dall'indipendenza degli Stati Uniti nel 1776 – riporta in uno dei suoi scritti le conseguenze dell'eruzione del vulcano islandese Laki sull'emisfero settentrionale. Fu una delle maggiori catastrofi per l'Europa di quel tempo, con migliaia di morti avvelenati dalle ceneri solforate, una dura carestia dovuta alla distruzione dei raccolti e un'ondata di miseria con gravi ripercussioni anche sugli anni successivi, che secondo alcuni storici contribuirono allo scoppio della ricoluzione francese. "Niente di tutto questo accadrà stavolta", spiega Warner Marzocchi, dirigente di ricerca dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e responsabile per l'Europa della World Organization of Volcano Observatories, che sta monitorando l'evoluzione del fenomeno in stretto contatto con i colleghi islandesi. "L'eruzione dell'Eyjafjallajökull colpisce l'immaginazione della gente perché ha bloccato il traffico aereo europeo, ma se non fosse per questo ce ne saremmo accorti a malapena", precisa Marzocchi. L'eruzione del Laki sparò 120 milioni di tonnellate di anidride solforosa nella stratosfera, come dire tre volte le emissioni industriali globali nel corso di un anno intero. "Questa eruzione invece ha emesso volumi limitati di gas e anche se durasse mesi le sue ricadute sul clima resterebbero molto modeste", rassicura Marzocchi. L'eruzione del vulcano filippino Pinatubo, l'ultimo episodio rilevante per il clima mondiale, è stata di 3-400 volte più grossa di questa. Nel giugno del '91 il Pinatubo sparò 30 milioni di tonnellate di aerosol solforico nella stratosfera, causando un raffreddamento medio della temperatura mondiale di mezzo grado, anche per tutto l'anno successivo. La sua nuvola carica di particelle di zolfo, emessa quasi tutta d'un colpo in tre ore di eruzione esplosiva, raggiunse i 34 chilometri d'altezza e si sparse attorno al globo nel giro di 22 giorni, per poi restare sospesa lassù oltre un anno prima di disperdersi gradualmente. Lo zolfo sparato in aria dall'interno del vulcano come anidride solforosa, che legandosi con il vapore si trasforma in minuscole gocce di acido solforico, frammenta e riflette i raggi del sole, rimandandone indietro una parte a disperdersi nello spazio. In questo modo può raffreddare il pianeta per mesi, compensando l'effetto serra dovuto alle emissioni umane. In pratica, è lo stesso risultato che alcuni scienziati vorrebbero fabbricare deliberatamente, sparando nell'atmosfera particelle di zolfo, in una delle varie proposte di geoengineering, più o meno pazzesche, per contrastare il riscaldamento globale. Sulle conseguenze dell'emissione vulcanica di zolfo nell'atmosfera, del resto, non vi sono dubbi: nel monitoraggio del clima avviato dall'International Council of Science nel 1980, il diagramma risulta costantemente in crescita, tranne per due anni, l'82 e il '92, corrispondenti alle ricadute dell'eruzione del vulcano messicano Chichon e del Pinatubo. Nella primavera dell'82, il Chichon sparò nella stratosfera 13 milioni di tonnellate di anidride solforosa fino a 25 chilometri d'altezza e la temperatura globale quell'anno si abbassò di 2 decimi di grado. Anche prima che il monitoraggio fosse avviato si registrarono improvvise cadute, in corrispondenza dell'eruzione del vulcano indonesiano Awu nel '66 e del monte Agung a Bali nel '63. Ma le conseguenze più marcate si percepirono in Europa e Nord America dopo l'eruzione del vulcano Tambora, sull'isola indonesiana di Sumbawa, definita la Pompei dell'Oriente dopo la recente scoperta di case e manufatti sepolti sotto la cenere nella catastrofica eruzione dell'aprile 1815, la più vasta registrata nella storia moderna. L'esplosione del Tambora fu udita a 2.600 chilometri di distanza e mandò nella stratosfera una colonna di materiale fino a 43 chilometri d'altezza, con un fallout su un raggio di 1.300 chilometri, che lasciò vasta parte dell'Indonesia al buio completo per due giorni. In Occidente, il 1816 passò alla storia come "l'anno senza estate": da aprile a settembre le temperature si mantennero invernali, con ripetute nevicate anche in agosto. I raccolti andarono perduti, diffondendo la fame e le malattie negli strati più deboli della popolazione, scatenando profezie di sventura e sommosse di piazza. Darkness, il poema scritto da Lord Byron nel 1816, descrive il disastro con precisione: "Il mattino viene e va – e torna, ma non porta il giorno, e gli uomini scordano ogni passione in quest'orrore". L'aumento dell'attività vulcanica è ritenuto dai climatologi anche alla base della Piccola Era Glaciale, una lunga fase di raffreddamento del clima terrestre che mise a dura prova i nostri antenati dall'inizio del 1400 fino ai primi decenni del 1800. La Piccola Era Glaciale fu caratterizzata da inverni molto freddi, documentati dettagliatamente sia in Europa che in Nord America. In questo periodo i ghiacciai delle Alpi avanzarono gradualmente, inglobando fattorie e distruggendo interi villaggi. Il Tamigi e i canali dei Paesi Bassi si congelarono regolarmente, soprattutto nelle due fasi più acute, dal 1645 al 1715 (Maunder Minimum) e dal 1790 al 1830 (Dalton Minimum). Perfino il Mar Baltico fu completamente coperto di ghiaccio almeno per due volte. Nell'inverno del 1780 ghiacciò il porto di New York, consentendo alle persone di camminare da Manhattan a Staten Island. Il mare che circonda l'Islanda e la Groenlandia rimase ghiacciato per molti chilometri in tutte le direzioni, impedendo l'accesso navale ai porti delle due isole. In particolar modo, viene ricordato l'inverno del 1709 che, secondo gli esperti, è stato il più freddo degli ultimi 500 anni per il continente europeo. La Piccola Era Glaciale si è conclusa intorno al 1850, quando il clima terrestre ha iniziato gradualmente a riscaldarsi. Un'evidente testimonianza dell'incremento della temperatura durante gli ultimi 150 anni è costituito dall'impressionante arretramento delle lingue glaciali in tutti i ghiacciai del mondo.